Sickside ci ricorda che cosa vuol dire essere Dark

E no non c'entra il trash

Carlo Cosio 17/01/18

E’ passato del tempo dall’ultima volta che ho scritto della Dark, ma potremmo ridurre tutto quello che è successo al disco di platino assegnato l’altro giorno a Twins. La grande novità del 2017 per la Gang è stata, infatti, la popolarità vera, quella da disco di platino appunto, quella che ha spostato l’opinione pubblica dal rifiuto, alla risata, fino all’approvazione. La stessa popolarità insomma che un po’ mi aveva fatto disinteressare alla Gang, e non solo perché una cosa che diventa “normale” diventa anche un po’ meno wow, quanto perché la svolta trash di Twins mi aveva fatto capire che, forse, quello che mi piaceva della Dark non era la stessa cosa che piaceva agli altri. Poi invece l'altra settimana è arrivato Side e mi ha ricordato che la Gang e il trash sono ancora due cose ben diverse. Grazie Arturo.

Sickside sembra essere lì per mostrarci che la Dark è ancora quella strana cosa difficile da capire e che non c’è definizione che possa rinchiuderla. Dimenticatevi del LOL rap, della tua serie TV preferita, del bravi intrattenitori, scarsi a rappare e di tutte quelle etichette che i giornali hanno cercato di usare per dare un senso al triplo sette quando non potevano più ignorarlo. Perché nel momento in cui riduci la DPG a una formula, smette di essere la DPG. O almeno la DPG che piace a me.

E in tal senso non penso sia una coincidenza che Side sia il mio preferito. Fra i quattro è l’alieno, quello che fai fatica a inquadrare e che risponde alle domande andandosene come in questo video; è il componente che ha introdotto più cultura Dark – tipo la cosa di essere alieni o il disinteresse per lo scoparsi la tua tipa – è quello più appassionato alla droga ed è quello per cui davvero questi soldi non sono niente. Side l’ho sempre visto come quella prima scintilla che fa iniziare tutto, ma che poi ha meno successo degli altri, perché “troppo strano”. Rimango convinto che sia stato uno dei primi a stare addosso agli altri con questa cosa della Trap e adesso che la Dark ha vissuto il suo processo di normalizzazione è tornato per scombinare ancora le cose.

Sickside è il miglior mixtape del 2018 e poco male se non saprei spiegarti che cos’è un mixtape. La hit è Diego Armando Maradona – e se sei tra i curiosi puoi recuperare la barra da cui arriva il ritornello in Cotoletta – ma anche Amerevole, Fiori D’Erba e Fuck Gosha stanno andando bene, grazie fra. Le basi elettroniche di Luke sognano ben oltre i confini della Trap – Lullaby e Almighty in tal senso sono i miei pezzi preferiti – ma sono gli argomenti che, discostandosi dalla trash way di Twins, mi hanno fatto tornare alto il morale. Side ha sofferto e si sente, nonostante il successo e tutto il resto dice di essere stato all’inferno e di essere tornato indietro; ha il cuore spezzato e sta “sempre nel posto giusto al momento sbagliato”; certo è vestito firmato, ma la cosa gli fa tornare in mente di quando sua madre gli comprava i vestiti al mercato. Sickside è un lavoro personale e malinconico, tanto che arriva a introdurre nella costellazione Dark il tema del suicidio – e i fatti di Lil Peep probabilmente hanno contribuito: “penso spesso al suicidio”, “sono cinico e debole”, “sto vivendo e intanto penso a che senso ha” e “morirò strozzato da questi rubini” sono tra le mie quotes preferiti, ma tu vieni ancora a parlarmi di LOL Rap, dai ti prego spiegami.

Le pecche sono un paio nel senso che l’avrei voluto un po’ più lungo, ma probabilmente anche trenta tracce non mi sarebbero bastate e che Cheescake non mi convince molto. Potrei dire che non è un caso, dato che Wayne è stato l’agente numero uno nel processo di globalizzazione vissuto dalla Dark l’anno scorso, ma se c’è un’altra cosa fondamentale che passa nel mixtape è il valore della riconoscenza: verso propria nonna,  propria madre, la propria ragazza / ex-ragazza, gli amici e i parenti. Quindi bella Wayne e bella Cheescake, bella per te che li rifiuti ancora come si rifiuta l’eliocentrismo, e per te, che con una teoria post-capitalistica li hai spiegati ai tuoi amici al bar, ma che adesso basta “sono passati di moda” e bella anche per te che aspetti solo che Side finisca in un angolo dimenticato: per voi c’è solo amore e se volete capire una cosa utile della Dark è che finché sarete fedeli ai vostri principi non potrete capire che cos’è la Dark. Perché i principi, oltre a fare male al pensiero, sono statici e sempre uguali a se stessi: e non c’è niente di più lontano dalla DPG.  

, Carlo Cosio

Lascia un commento all'articolo